Unioni civili, salta ancora calendarizzazione

senatoDi Rosario Coco – Unioni civili, non ci siamo ancora. Durante la giornata di ieri, mercoledi 16, il Senato ha bocciato la proposta di calendarizzazione immediata della legge per il mese di ottobre presentata da M5S, che avrebbe, secondo i promotori, reso necessarie le sedute notturne e quindi permesso di superare l’ostruzionismo in Commissione Giustizia. Nonostanza i precedenti annunci che avrebbero dovuto portare alla data del 15 ottobre, la richiesta non è stata approvata per un motivo molto semplice:

il partito di Renzi, purtroppo, non è in grado di compattarsi per le unioni civili superando il dissenso interno se prima non supera lo scoglio della riforma del Senato. Come prevedibile, quindi, è arrivata la protesta del M5S, che ha contestato a buon diritto la proposta di convocara delle notturne dopo il voto negativo in aula sulla calendarizzazione. Non a caso Nitto Palma ha scelto di annullare la commissione convocata per le 20:30 di questa sera, a testimonianza del fatto che senza una data esatta è inutile riunirsi in via straordinaria.

Nonostante l’impegno encomiabile di Cirinnà e Lo Giudice, quindi, la calendarizzazione del provvedimento rimane appesa alla questione Senato, un fatto che purtroppo mette a nudo le contraddizioni interne del Partito Democratico e sul quale le associazioni LGBTI non possono di certo stare a guardare.